/sezione-Portali%2C+siti+web%2C+blog/64696-Piccolo+elettrodomestico+salutare%3A+la+Yogurtiera.html Piccolo elettrodomestico salutare: la Yogurtiera (Portali, siti web, blog)




Home :: Portali, siti web, blog

Piccolo elettrodomestico salutare: la Yogurtiera

Yogurtiera

Può essere considerato tra i piccoli elettrodomestici della salute. Con la yogurtiera è possibile preparare dello yogurt ricco di fermenti vivi, aggiungendo magari delle bustine di fermenti da acquistare in erboristeria o al supermercato o un yogurt intenso e cremoso, realizzato con panna liquida a temperatura ambiente, ad esempio in 750 ml di latte intero è necessario aggiungere circa 250 ml di panna.

Se volete addolcire il vostro yogurt e contrastare quel sapore acidulo che lo contraddistingue vi basterà un dolcificante naturale, perfetto per rendere lo yogurt leggermente più corposo, per aumentarne la densità invece aggiungete al prodotto finito qualche grammo di amido di mais. Potete addirittura preparare dello yogurt al gusto di caffè, cioccolato, vaniglia o frutta, aumentando la quantità di fermenti lattici impiegata, insomma il risultato finale dipende solo dai vostri bisogni e dal tipo di risultato che volete ottenere. In questo caso dovrete aumentare la quantità di fermenti lattici impiegata e aggiungere un ingrediente extra (caffé, cioccolato, vaniglia, marmellata e frutta tritata…) ancora prima dell’incubazione.

Aumentando la quantità di batteri fermentativi, i tempi di incubazione dovranno essere di circa tre ore a una temperatura di 42-43 °C. In questo caso, lo yogurt ottenuto non sarà il classico yogurt da bere (o quasi da bere!) restituito dalle yogurtiere, bensì, si tratterà di uno yogurt dalla consistenza più compatta e cremosa. Lo yogurt ottenuto non va fatto raffreddare a temperatura ambiente ma dovrà essere trasferito direttamente nella parte più alta del frigorifero. Lo yogurt al gusto di frutta o altri aromi, deve essere consumato nel giro di pochi giorni perché è più sensibile a degradazione.

L'importante è trattare termicamente il latte per 15 minuti a 90 gradi e filtrarlo, in seguito fatelo raffreddare e aggiungete lo starter per metterlo in incubazione. Per lo starter da utilizzare scegliete del classico yogurt bianco, meglio se è il vostro preferito senza eccedere nelle quantità, un cucchiaino per un litro di latte è più che sufficiente. Ora il vostro yogurt è pronto per essere servito ma prima lasciatelo raffreddare in frigorifero per almeno 6-8 ore, in questo modo si rassoderà in modo ottimale.

  • C'è chi lo mangia a colazione.
  • Chi lo preferisce come merenda.
  • E chi, ancora, lo utilizza come alternativa al pasto.
  • È anche uno dei primi cibi non omogeneizzati che mangiano i bimbi in tenera età.

Lo yogurt, in tutte le sue declinazioni è un cibo molto diffuso, che entra a far parte dell'alimentazione in maniera diversa a seconda delle culture e dei modi di vita. Siamo abituati sempre più ad acquistarlo scegliendolo dal banco frigo del supermercato, dove, campeggiano centinaia di vasetti in tutte le forme e in vari colori, specchio di altrettanti variabili gusti. Ma esiste anche un modo per fare lo yogurt a casa, partendo da buon latte e sicuri degli ingredienti utilizzati. Tutto questo avviene grazie alla yogurtiera.

La yogurtiera è un elettrodomestico che può essere considerato un incubatore in grado di contenere all'interno una serie di contenitori, simili ai classici vasetti da supermercato da 100 - 150 ml. Questi vengono mantenuti ad una temperatura costante intorno ai 40 gradi, che è anche quella ottimale affinché avvenga lo sviluppo di quei batteri che permettono di trasformare latte in yogurt.

Fonte: https://www.rotex.net/ , ecommerce di piccoli elettrodomestici per casa e cucina

 

 

Adv